Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Modena

Sicurezza sul lavoro

Corsi inerenti la sulla sicurezza sul lavoro (Decreto 81/08)

Considerata la complessità della normativa e degli obblighi di formazione per tutti i soggetti interessati ed in particolare per i sanitari datori di lavoro, l'Ordine in collaborazione con la società RSPP ITALIA e con  l'ente paritetico bilaterale accreditato mette a disposizione dei propri iscritti una convenzione.

Grazie alla collaborazione instaurata con la dott.ssa Cioni, RSPP dell'Ordine e rappresentante della società RSPP ITALIA, gli iscritti di Modena potranno accedere ai corsi a condizioni molto vantaggiose.

per contatti e informazioni è attivo il numero verde 800589093

Check list obblighi adempimenti documenti

Check list degli adempimenti e dei documenti la cui resposnabilità ricade sul titolare dello studio ai sensi del D.Lgs 81/08

Formazione dei lavoratori da parte del Datore di Lavoro: guida pratica

L'Ordine dei Medici  di Modena, la Commissione Odontoiatri grazie al lavoro del Dr. Antonino Addamo, consigliere tesoriere dell'Ordine e con la collaborazione del Dr. Davide Ferrari Direttore SPSAL area centro ASL Modena, ha messo a punto un percorso per facilitare e consentire ai Datori di lavoro, medici/odontoiatri,  che hanno assunto l'incarico di RSPP da più di tre anni, di adempiere correttamente alla formazione dei propri  lavoratori  come previsto dalla normativa  in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Questa possibilità di formazione revocata dal decreto interministeriale del 6 marzo 2013 è stata nuovamente introdotta dalla Conferenza Stato Regione nella seduta del 7 luglio 2016.
Nella procedura relativa alla Formazione dei Lavoratori da parte del Datore di Lavoro:  guida pratica vengono forniti gli strumenti per poter formare in modo pratico e diretto i propri lavoratori: materiale didattico, riferimenti normativi, tempi e modi, modulistica conforme.
Il percorso è stato messo a punto nel rispetto delle disposizioni legislative tenendo conto delle realtà locali, nel caso in cui venga utilizzato da altre province sarà opportuno un confronto con i dipartimenti di sanità pubblica  locali competenti in materia.

RSPP Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Formazione per lo svolgimento delle mansioni di RSPP

Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell'11 gennaio 2012 gli accordi, approvati nella seduta del 21 dicembre 2011 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano tra Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministro della Salute, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, relativi alla individuazione dei contenuti della formazione del datore di lavoro che intenda svolgere direttamente i compiti del servizio di prevenzione e protezione e di quella dei lavoratori, dei dirigenti e dei preposti, di cui agli articoli 34 e 37 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008, e successive modifiche e integrazioni.


Con riferimento ai medici e agli odontoiatri, che debbano svolgere ex-novo il percorso formativo il modulo passa da 16 a 48 ore.

L’Accordo stabilisce inoltre l’obbligatorietà e la durata dell’aggiornamento che per medici e odontoiatri sarà di 14 ore e avrà la seguente cadenza:

 

- entro cinque anni (da gennaio 2012) per coloro che hanno svolto i corsi ai sensi dell’art. 13 del DM 16 gennaio 1997 (durata minima del corso 16 ore)

 

- entro 24 mesi (da gennaio 2012) per gli esonerati dalla frequenza del corso ai sensi della art. 95 del D.Lgs 626/94 (nomina entro il 31/12/1996).

RLS (rappresentante sicurezza lavoratori)

La Direzione Generale dell’INAIL con Circolare n. 43 del 25 agosto 2009 chiarisce che a differenza di quanto previsto nella formulazione della norma contenuta nel decreto legislativo n. 81/2008, la comunicazione del nominativo del rappresentate per la sicurezza dei lavoratori  non va più effettuata con cadenza annuale, ma solo  in caso di nuova nomina o designazione.
Per ulteriore approfondimento in materia visionare il testo della Circolare n. 43 del 25 agosto 2009.

Valutazione dei rischi

31/05/2013 SCADE L'AUTOCERTIFICAZIONE
01/06/2013 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI


Ricordiamo ai colleghi che dal 31.05.2013 non sarà più possibile per i professionisti che impiegano fino a 10 lavoratori certificare l'avvenuta valutazione dei rischi con l'AUTOCERTIFICAZIONE e questa non avrà più validità poiché  da tale data entrano in vigore LE PROCEDURE STANDARDIZZATE per la valutazione dei rischi.
Pertanto dal 01.06.2013 la Valutazione dei rischi potrà essere comprovata  esclusivamente con il DVR (Documento di valutazione dei rischi) o con un DVR redatto seguendo le procedure standardizzate.
Questo ultimo documento, riservato alle microimprese che impiegano fino a 10 lavoratori è più semplice da elaborare in quanto la valutazione è guidata attraverso un modello di riferimento (previsto dal Decreto interministeriale 30 novembre 2012). Le spiegazioni per la compilazione del modello elaborate dal Dott Addamo tesoriere del nostro Ordine  dei medici in collaborazione con l’AUSL di Modena e il modello previsto dal Decreto sono di seguito riportati.
E' compito  del datore di lavoro, sanitario titolare dello studio, su cui ricadono le responsabilità, effettuare la valutazione dei rischi, redigere il DVR, attuare e gestire il programma e verificarne l'attuazione.
La documentazione deve avere data certa o attestata.

Corsi di aggiornamento e formazione per lo svolgimento della mansioni di RSPP

Le slide e le relazioni  relative ai corsi di formazione e aggiornamento per lo svolgimento delle mansioni di RSPP iorganizzati dall'Ordine sono diponibili alla senzione atti di questo sito.